La magia di Maggio ad Ischia

Era de maggio” è una delle più famose canzoni napoletane, che parla di un amore che torna nel mese delle rose, delle ciliegie, dei giardini profumati. Salvatore Di Giacomo sceglie giustamente come sfondo per una passione che si rinnova sempre il culmine della primavera, quando le lunghe giornate piene di luce esaltano lo spettacolo incomparabile della natura che si risveglia.

Quale luogo migliore per goderne del paradiso di colori per eccellenza di Ischia, i Giardini La Mortella, dove si è circondati non solo da peonie, rose, calle, ortensie, glicini, ma da stupefacenti varietà tropicali, come ad esempio la protea, perfettamente acclimatate in quest’angolo dal microclima eccezionale.

Ma la magia di questo periodo ad Ischia non si concentra in unico luogo. A breve distanza il parco termale Negombo nell’idillica baia di San Montano è da anni a fine maggio lo sfondo unico di Ipomea, tra le più interessanti mostre-mercato di piante belle, rare e strane.

E sempre la stessa baia si colora dei variopinti fuochi d’artificio in onore di Santa Restituta, patrona del piccolo comune di Lacco Ameno, celebrata il 17 maggio. Processioni per mare e per terra sono un commovente momento di raccoglimento dell’isola intera, che spesso coinvolge i turisti incantati.

Alla varietà di colori dei giardini e delle feste si contrappone il manto giallo intenso che la ginestra stende sulle colline meridionali di Ischia. A questo celebre arbusto viene addirittura tributata una festa la prima domenica di giugno, organizzata dal gruppo folk ‘Ndrezzata del villaggio di Buonopane. L’occasione migliore per esplorare i sentieri è naturalmente “Andar per sentieri”, evento del maggio ischitano “gemello” del più famoso “Andar per cantine” che si svolge, invece, la seconda settimana di settembre.

Albe e tramonti sono i momenti magici di ogni giornata su un’isola e in piena primavera lo spettacolo è garantito. Una giornata indimenticabile inizia con l’alba a Ischia Ponte, con il Castello Aragonese avvolto da un manto rosa, e si conclude con il tramonto alla Chiesa del Soccorso di Forio, dove può capitare di assistere al famoso raggio verde, fenomeno di rifrazione ottica che si verifica nel momento in cui il sole scompare in mare sotto la linea dell’orizzonte.

L’appagamento dei sensi naturalmente si conclude a tavola, con i sapori unici che il suolo vulcanico dona agli ortaggi di questo periodo. Mai assaggiato la parmigiana di carciofi di Libera?
Vi aspettiamo ad Ischia per provarla…

  • Condividi sui social
All rights reserved 2024